G.B. Palumbo & C. Editore S.p.A. - Rivista annuale online di studi sul teatro antico

Dionysus ex Machina

Dionysus ex Machina n.7
N.7 - anno 2016
g.b. palumbo editore & c. s.p.a.
Immagine copertina
pubblicazione: N.4 - Anno 2013
Codice articolo: DEM2013123119
Licinia Ricottilli

Strategie comunicative 'a carambola' in Terenzio

(Phorm. 350-77; Andr. 459-97; 740-95)

L’articolo verte sulla strategia comunicativa ‘a carambola’ con cui si invia un messaggio ad un interlocutore ben preciso, con l’obiettivo di far arrivare il messaggio stesso indirettamente ad una terza persona, che è il vero destinatario del messaggio. In questo primo studio vengono analizzate le tre occorrenze della ‘carambola comunicativa’ nel corpus terenziano. La prima occorrenza (Phorm. 350-77) offre la rappresentazione di uno scontro verbale simulato che riecheggia il modello culturale romano della flagitatio. Le scelte stilistiche adottate da Terenzio segnalano una personale e raffinata reinterpretazione del tema del convicium che si accosta ai convicia plautini solo a tratti ed in misura minore rispetto a quanto ci si aspetterebbe. La flagitatio è riecheggiata dall’artista nelle forme più consone al suo gusto, nettamente lontane dalle riprese plautine di tale modello culturale. Vengono poi approfondite le altre due occorrenze che compaiono nell’Andria. Infine i numerosi spunti metateatrali presenti nelle tre occorrenze terenziane vengono spiegati con il sistematico collegamento della carambola comunicativa con la recita della “play-within-the-play” ed in ultima analisi con la stessa “performance” della fabula.

The present article is centered on the “carom” communication strategy with which one sends a message to a precise interlocutor with the intent of indirectly sending it to a third person who is the message’s true addressee. In this first study three cases of “carom” communication are analysed in a Terencian corpus. The first occurence (Phorm. 350-77) is a simulated altercation that rechoes the Roman cultural model known as flagitatio. The sylistic choices adopted by Terence indicate a personal and refined reintepretation of the concept of convicium, which resembles Plauto’s convicia only occasionally and less than expected. The idea of flagitatio is reiterated by the writer in the forms that are most suited to his taste and are clearly distant from Plauto’s use of such a cultural model. At this point, the other two occurences that appear in the Andria are analysed. The numerous metatheatrical cues present in the three Terencian occurences are then explained through the systematic connection of “carom” communication with “play-within-the-play” performance and with fabula performance.

Nella foto in alto: Terenzio, Andria, Codex Vaticanus Latinus, Roma, Biblioteca Vaticana.

Scarica l'articolo completo

Tutti gli articoli, i contenuti multimediali, lo spazio Notizie e i link Sono disponibili liberamente previa registrazione gratuita.
I volumi della Biblioteca di DEM possono essere acquistati interamente o per singoli articoli tramite Casalini Libri.

REGISTRATI
Cerca nel sito...

Puoi affettuare la ricerca inserendo
il titolo, l’autore o il codice articolo.

La Biblioteca di DEM

In questa sezione sono raccolti i volumi fuori serie che fanno riferimento a Dionysus ex machina per contenuti legati al mondo del teatro antico. Vi si trovano atti di convegni e monografie nonchè raccolte di saggi sempre sul tema del teatro antico.

Gli indici dei volumi sono consultabili online ed è possibile acquistare in formato ebook sia l'intera opera che alcune sue parti (ad esempio gli atti dei ocnvegni sono acquistabili anche per singolo articolo)...

Continua...