G.B. Palumbo & C. Editore S.p.A. - Rivista annuale online di studi sul teatro antico

Dionysus ex Machina

Dionysus ex Machina n.7
N.7 - anno 2016
g.b. palumbo editore & c. s.p.a.
Immagine copertina
pubblicazione: N.5 - Anno 2014
Codice articolo: DEM2014177620
Francesco Puccio

"Le Latin s'en va-t-en guerre"

Il "Bellum Grammaticale" sulla scena: dalla trattatistica alla performatività

In un’epoca in cui l’insegnamento del latino e, più in generale, delle materie classiche è oggetto d’incessante dibattito relativamente alle modalità e talvolta all’utilità, il Bellum Grammaticale di Andrea Guarna è un’antica risposta a problematiche sempre attuali. L’approccio del Guarna si dimostra innovativo: superando i rigidi schemi didattici del suo tempo, pur mantenendone inalterati i contenuti, egli ha costruito una grammatica della lingua latina sotto forma di racconto, servendosi della metafora narrativa bellica, attualissima nell’immaginario collettivo del Cinquecento. Il Bellum Grammaticale, forte della popolarità ottenuta, giunge anche a solcare le scene dei teatri europei a meno di un secolo dalla sua pubblicazione: viene, infatti, rappresentato all’Università di Oxford alla presenza della regina Elisabetta I, nel 1592. E un’altra Università ha recentemente ospitato la messa in scena dell’opera: a Strasburgo, infatti, il laboratorio didattico-teatrale “l’Antico fa testo” di Siena, diretto da Donatella Puliga e Francesco Puccio, ha riproposto una nuova versione del Bellum. L’articolo mira ad illustrare le problematiche e le soluzioni adottate per la rappresentazione di un’opera cinquecentesca in latino e sull’insegnamento del latino, alla luce della moderna riflessione sull’antropologia teatrale.

At a time when the teaching of Latin and, more generally, of the classics is the subject of an incessant debate regarding methodology and sometimes its utility, Andrea Guarna’s Bellum Grammaticale is an ancient response to problems that are still present. Andrea Guarna’s approach seems to be quite innovative: overcoming the rigid patterns of learning in his time, without modifying content, he built a grammar of Latin in the form of a story, using the metaphor of war fiction, a current metaphor in the collective imagination of the sixteenth century. The Bellum Grammaticale, thanks to its popularity, also came to plow the scenes of European theaters less than a century after its publication: in fact, it was performed at the University of Oxford in front of Queen Elizabeth I in 1592. Recently, another University has hosted the staging of this work; in Strasbourg, the didactic workshop “l’Antico fa testo” from Siena, directed by Donatella Puliga and Francesco Puccio, has revived a new version of the Bellum. This paper aims to illustrate the problems and the solutions adopted for the performance of a sixteenth-century play in Latin and for the teaching of Latin, in the light of modern reflections on theatrical anthropology.

Scarica l'articolo completo

Tutti gli articoli, i contenuti multimediali, lo spazio Notizie e i link Sono disponibili liberamente previa registrazione gratuita.
I volumi della Biblioteca di DEM possono essere acquistati interamente o per singoli articoli tramite Casalini Libri.

REGISTRATI
Cerca nel sito...

Puoi affettuare la ricerca inserendo
il titolo, l’autore o il codice articolo.

La Biblioteca di DEM

In questa sezione sono raccolti i volumi fuori serie che fanno riferimento a Dionysus ex machina per contenuti legati al mondo del teatro antico. Vi si trovano atti di convegni e monografie nonchè raccolte di saggi sempre sul tema del teatro antico.

Gli indici dei volumi sono consultabili online ed è possibile acquistare in formato ebook sia l'intera opera che alcune sue parti (ad esempio gli atti dei ocnvegni sono acquistabili anche per singolo articolo)...

Continua...